LA PRODUZIONE VIDEO

Che differenza c'è tra un regista e un videomaker?

Come funziona una produzione video e quali sono le sue fasi principali? 

Chiunque oggi può girare un video, basta uno smartphone. Ed è vero, tuttavia, anche il più profano riuscirebbe a distinguere un videografo con una certa esperienza sul set, da uno che di esperienza non ne ha proprio. Gli basterebbe notare la sua capacità di organizzare la produzione e l'atteggiamento con cui affronta gli inconvenienti, spine nel fianco per l'inesperto, amici di vecchia data per il videomaker navigato 🤣, che sa trasformare ogni svantaggio in un'opporunità artistica...

Per quanto riguarda la differenza tra un regista e un videomaker, si tratta perlopiù di "sostanza": il regista è in grado di governare una troupe cospicua, di girare grandi spot, o videoclip con un sacco di persone, ed ha un approccio al video tendenzialmente cinematografico; il videomaker, invece, tende a fare tutto da sé, infischiandosene dello storyboard e della pre-produzione, con tutti i limiti che ciò comporta...

Per quanto riguarda me, invece, sono sia l'uno che l'altro, dipende dal budget e dal tipo di video. Tuttavia, una cosa è certa: ch'io debba fare il regista o il videomaker, il mio modus operandi non cambia di una virgola, e le fasi di una produzione video restano sempre le stesse. Vediamole di seguito. 😉

1

LO SCRIPT

La scrittura creativa sta sempre alla base di ogni video che si rispetti, è il mezzo di comunicazione che comprende ogni cosa.

2

LO STORYBOARD

Lo strumento migliore per non trovarsi mai impreparati su un set e risparmiare quindi tempo prezioso, ma anche per avvicinare il più possibile il cliente all'idea generale del regista.

Generalmente cerco di disegnare storyboard semplici, rigorosamente in bianco e nero, ma dal grande impatto visivo.

3

LA PRE-PRODUZIONE

Location, attori, comparse, permessi per occupazione suolo pubblico, permessi per il drone e attrezzature speciali, convocazioni troupe, date di shooting, orari, quando si mangia...

Ogni produzione video va organizzata al dettaglio, almeno un paio di settimane prima. Non bisogna mai dare nulla per scontato e tenere sempre bene a mente che... potrebbe piovere. 😂

4

IL SET

Il giorno (o i giorni) di shooting, dove tutto ciò che finora era solo fantasia, improvvisamente inizia a pulsare...

È il giorno più eccitante per tutti, perché il set è sempre magico, ovunque si trovi. Ma è anche il giorno in cui il regista deve dimostare di che pasta è fatto, avere le idee chiare e adoperarsi di dosi massicce di diplomazia per far andare tutti d'accordo. Se tutto è stato organizzato per il meglio, se lo storyboard è chiaro e se la shooting list è stata stesa con dovizia, allora non dovrebbero esserci problemi. Ma è sempre bene tenersi buono un 15% di improvvisazione, per far fronte a tutte quelle varie ed eventuali che sicuramente salteranno fuori all'ultimo... 🤐

5

LA POST-PRODUZIONE

Qui l'idea prende davvero vita.

Montaggio video non significa solo taglia in testa e allunga in coda, ma anche musicaritmocompositing, effetti sonori, voci fuori campo, animazionicorrezione del colore, esportazioni e caricamenti (non necessariamente in quest'ordine). È molto importante rimanere aggiornati per conoscere tutti i formati, in continuo mutamento, e per sapere che tipo di file consegnare al cinema per la proiezione, o alla tv per mandarlo in onda, o per caricarlo sui social, dove regna l'anarchia... 😅

CONTATTAMI

Quattro chiacchiere non costano nulla. Farò in modo che il tuo video sia il tuo più bel biglietto da visita, che attiri l'attenzione e che ti faccia conoscere a un pubblico sempre più vasto.

*Se vuoi dare un'occhiata ai miei lavori, vai su Video Design. 🙃

Elia Cristofoli

scrittura creativa, video, illustrazione

VIa S. C. di Rosa, 6 - Bussolengo - 37012 - Verona

P. Iva 033 65790231 - CF CRSLEI79B24E349F

  • Instagram Social Icon
  • LinkedIn Social Icon
  • Facebook Social Icon
  • YouTube Social  Icon