COSA FACCIO

Grazie alla – o a causa della – mia singolare formazione, essendo cresciuto in un contesto con un padre fotografo, con colleghi fumettisti, copywriter, registi e creativi di ogni sorta, nel corso della mia infanzia e della mia adolescenza, volente o nolente, appresi le più svariate tecniche di comunicazione. Ho imparato a fotografare che ero appena bambino, mentre durante l'adolescenza, gli illustratori mi iniziavano alle tecniche di disegno avanzato, i designer mi imponevano la stilizzazione, e dai set assimilavo le prime nozioni video. Era un continuo stoccaggio di tecniche e teorie, delle quali, lì per lì, non sapevo che farmene. Poi però, progressivamente, mi tornò tutto utile... 😏

In vent'anni di carriera, ho provato qualsiasi settore del mondo della comunicazione, dal web alla tv, dal graphic design ai cartoni animati. Ma le abilità che ho coltivato di più sono sempre le stesse: scrittura, illustrazione e video.

Scrivo molte cose

La prima storia la scrissi alle elementari. Parlava di un cavaliere che «sfragolava» (usai proprio questo termine) zombie a destra e a manca, lasciandosi dietro una lunga scia di frattaglie. La maestra sapeva che ero un bambino con una fervida immaginazione, perciò non si preuccupò. Alle medie riempii una serie di quaderni con centinaia di supereroi, con tanto di schede complete di alias, superpoteri, punti deboli e biografie. Al liceo ero talmente incazzato col mondo, che tutte le mie parole erano concentrate nel demolirlo, a parte quelle volte che scrivevo tediose poesie per far colpo sulle ragazze (ma solo quando facevo fiasco coi disegni 🤣). A 28 anni avevo già scritto così tanta roba che non sapevo più dove buttarla. Giunse in mio soccorso la bruciatura di un hard-disk, nel quale custodivo tutto, rigorosamente senza backup 😐. Dalle ceneri del fastidio, intorno ai trent'anni, nacque il mio primo romanzo, che pubblicai nove anni più tardi. Seguirono il secondo e il terzo libro, e destino permettendo, ne arriveranno molti altri... 🙏🏻

Disegno

Per scoprire come una suora mi insegnò a disegnare durante la scuola materna, vi mando a questa deliziosa confessione: «come ho imparato a disegnare». Dopo i fatti descritti in quell'articolo, fu tutta un'ascesa. Passavo le estati delle superiori a lavorare nello studio di mio padre, il quale, giustamente, sfruttava il mio talento per piazzare alle aziende di cartotecnica montagne di illustrazioni fantasy e soft-horror per ragazzini. Imparai molto di più in pochi mesi da mio padre che in cinque anni di liceo. Più che altro perché in quello studio bazzicava la créme della créme dei fumettisti e dei designer veronesi, i quali mi scavarono l'anima a forza di «dai la cera, togli la cera», non so se mi spiego 😐. Una volta, qualcuno di cui non faccio il nome mi fece ricalcare lo stesso disegno per un mese, otto ore al giorno. Voleva che raggiungessi il segno perfetto. In quel mentre, volevo morire e lo odiavo con tutto me stesso. Col senno di poi, mi sento di doverlo ringraziare, perché grazie a quella massacrata ottenni la padronanza assoluta della mia mano, collegandola definitivamente al mio cervello 🤯.

Video

Da bambino ero solito dire che «da grande voglio fare Stiven Spilber». Ho iniziato a frequentare i set intorno ai 17 anni. A 19 anni avevo contribuito con dei cartoni animati al mio primo videoclip che andò in onda su MTV e altre reti nazionali, girato dal maestro Gianluca Magnoni, detto G. L'anno successivo, altri cartoni per un altro videoclip, sempre di Magnoni, per una celebre cantante italiana di cui non farei il nome nemmeno sotto tortura. Ma il primo video da regista lo girai a 25 anni. Avevo una troupe di venti persone, tutti amici. Lo girammo in tre giorni e lo montammo in un mese. Fu una delle esperienze più intense della mia vita. Un giorno vi racconterò degli aneddoti a riguardo... 😂

Da quel momento girai un sacco di videoclip, lavorai anche per Celentano, poi l'industria discografica precipitò nel baratro, mi spostai nella pubblicità, poi questo, quello, una cosa tira l'altra, e ora della fine sono ancora povero e non ho ancora fatto un film! 😤

Ma nei miei lavori, le skills si fondono spesso tra loro. Per esempio: il disegno e il videomaking si incontrano negli storyboard, nei video animati e nei cartoon (Adriano Celentano, Omar Pedrini, Soilwork, The Night Flight Orchestra); il disegno si evolve anche nel graphic design (al secolo grafica pubblicitaria), con la realizzazione di loghi, presentazioni e mockup di ogni genere; la scrittura è onnipresente in ogni idea, dalla stesura di sceneggiature per spot all'ideazione di campagne pubblicitarie; il disegno e la scrittura si intrecciano nei miei romanzi, dove sono solito illustrare i miei personaggi anziché perder tempo a descriverli fisicamente, permettendomi così di concentrarmi sulla loro psicologia... Insomma, ogni talento può essere sfruttato a sé, oppure "diluito" con gli altri, a seconda di ciò che occorre per il progetto in corso. L'immaginazione non ha limiti, perlomeno finora non ne ho incontrati... 🤔

Curriculum Vitae

aggiornato a gennaio 2019

Portfolio Video e Design

aggiornato al 2016 (in aggiornamento)

Elia Cristofoli

scrittura creativa, video, illustrazione

VIa S. C. di Rosa, 6 - Bussolengo - 37012 - Verona

P. Iva 033 65790231 - CF CRSLEI79B24E349F

  • Instagram Social Icon
  • LinkedIn Social Icon
  • Facebook Social Icon
  • YouTube Social  Icon